8/2016: genesi di un quadro 

L’ottavo quadro dell’anno ho deciso di fotografarlo dalle prime pennellate. Un olio su tela di 125×100 cm, come piace a me. Per mostrarne la genesi, ho fatto una foto per ogni momento saliente. Ne viene fuori un mini filmato fatto di slide da un minuto e mezzo circa; così, per far capire qual è il mio modo di lavorare. Operazione per me inedita, perché mai fino a poco tempo fa mi sarei sognato di mostrare il mio personale processo creativo e di mettermi così a nudo. Ma oggi mi sembra obsoleto e anche ingenuo preservare segretamente e gelosamente questa fase, questo atto importante, questo momento certo intimo ma comunque parte dell’opera stessa. Il quadro finito è anche quello che era all’inizio, semplici e veloci pennellate, decise e calcolate. A chi ci vede Turner dico già da subito che c’è, sotto molti punti di vista; ma c’è anche Constable e anche buona parte della tradizione toscana per la macchia (e credo molto altro di più “moderno”; e poi soprattutto ci sono io). Comunque siamo sempre lì, all’Ottocento: dove il paesaggio comincia ad essere rappresentazione manifesta dell’anima e desolate città del cuore invadono inesorabilmente e languidamente la tela. Grazie.

 

Raffaele boni 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...